Vai direttamente:home page, accessibilità del sito, ricerca, contenuto della pagina., mappa del sito, torna al inizio pagina, intranet, istituto, Urp, Ufficio Stampa, Bandi, Newsletter, Rassegna Stampa, Forum, Focus, In calendario, Percorsi per la conoscenza, Percorsi per la piena occupazione, Percorsi per la coesione sociale, RSS, Note Legali, Credits, Contatti, Banche Dati, Documentazione, Normativa, Glossario, Link
ISFOL - Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei lavoratori   Istituto | Urp | Ufficio Stampa | Bandi
isfol canali Newsletter | Rassegna stampa | Forum
Banche Dati Documentazione Normativa Glossario Link
posizione sei in: Home page » Notizie » Dettaglio
 
 
 

E' in gioco il futuro


05 Giugno 2012 - SEMINARIO ISFOL SULL'ABBANDONO DEI PERCORSI FORMATIVI

Comprendere le ragioni che spingono i giovani ad abbandonare gli studi: questa è la domanda a cui ha cercato di rispondere il seminario Isfol sull’abbandono dei percorsi formativi, svoltosi oggi a Roma presso la sede dell’Istituto.

 

Sulla scorta di quanto emerso da un’indagine condotta tramite 1.500 interviste a ragazzi e ragazze usciti dalla scuola secondaria di primo grado, sono state identificate due tipologie di dispersione. La prima corrisponde ad una figura di giovane che viene da situazioni familiari complicate che determinano bassi livelli di autostima e che hanno come conseguenza quella di causare una “mancanza di orientamento all'obiettivo”. La seconda tipologia comprende invece quei giovani che provengono da famiglie non particolarmente gravate da difficoltà economiche e familiari. L'abbandono appare in questo caso legato a fattori meno traumatici ma comunque legati a un senso di confusione e al dubbio che il titolo di studio non garantisca più, di per se, un futuro professionale sicuro e stabile.

 
“L'abbandono dai percorsi di studio condanna le persone a rimanere ai margini del lavoro facendole diventare dei soggetti a rischio povertà, intesa anche nel senso di deprivazione di capacità; infatti tutti coloro che non hanno competenze adeguate non riescono a partecipare alla vita attiva, per questo è molto importante aggredire la dispersione” ha detto Aviana Bulgarelli, direttore generale dell'Isfol, intervenendo nel corso del seminario.
Lucia Scarpitti, dirigente del Ministero del Lavoro, ha sottolineato come il sistema dell'istruzione e della formazione professionale abbia funzionato nel recuperare i ragazzi che avevano abbandonato. “Questo filone – ha aggiunto – risulta importante per i giovani che non vedono nel settore tradizionale uno sbocco” ed è quindi fondamentale “tenere insieme le politiche per l'istruzione, la formazione e il lavoro”.






 
 
 
Apre il sito Unione europea in una nuova finestra Apre il sito Ministero del Lavoro in una nuova finestra Apre il sito Ministero dell'Istruzione in una nuova finestra
 
Apre il sito Europass in una nuova finestra Apre il sito CEDEFOP in una nuova finestra Apre il sito Programma Leonardo Da Vinci in una nuova finestra Apre il sito TTNet in una nuova finestra Apre il sito Orientaonline in una nuova finestra Apre il sito eFormazione continua in una nuova finestra Apre il sito Professioni, Occupazione e Fabbisogni  in una nuova finestra Apre il sito Ifolamb in una nuova finestra Apre il sito Euroguidance Italy in una nuova finestra Apre il sito Rapporto Orientamento in una nuova finestra Apre il sito TRANSNAZIONALITA' in una nuova finestra Apre il sito Ecvet-Moto in una nuova finestra Apre il sito Reference Point in una nuova finestra Apre il sito Indagine Piaac in una nuova finestra Apre il sito Progetto CE-Ageing  in una nuova finestra