Vai direttamente:home page, accessibilità del sito, ricerca, contenuto della pagina., mappa del sito, torna al inizio pagina, intranet, istituto, Urp, Ufficio Stampa, Bandi, Newsletter, Rassegna Stampa, Forum, Focus, In calendario, Percorsi per la conoscenza, Percorsi per la piena occupazione, Percorsi per la coesione sociale, RSS, Note Legali, Credits, Contatti, Banche Dati, Documentazione, Normativa, Glossario, Link
ISFOL - Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei lavoratori   Istituto | Urp | Ufficio Stampa | Bandi
isfol canali Newsletter | Rassegna stampa | Forum
Banche Dati Documentazione Normativa Glossario Link
posizione sei in: Home page » Notizie » Dettaglio

Si può fare


13 Dicembre 2011 - INDAGINE ISFOL SULL'INSERIMENTO LAVORATIVO IN AZIENDA DI PERSONE CON DISAGIO PSICHICO

L'Isfol mette in campo la prima indagine sulle problematiche dell'inserimento lavorativo di soggetti con disagio psichico in aziende profit. L'indagine, durata 4 anni, si è svolta all'interno del Programma per il sostegno e lo sviluppo dei percorsi integrati di inserimento socio-lavorativo dei soggetti con disturbo psichico (Pro.P), promosso dal Ministero del lavoro.
I risultati sono stati presentati questa mattina a Roma in occasione di un convegno dal titolo: “Si può fare in azienda. Aziende, lavoro e disturbo psichico”.
Dall'indagine, realizzata su un primo campione di 1.000 imprese rappresentative del collettivo delle aziende italiane è risultato che il 6,2% di esse occupa un disabile e il 2,2% occupa un disabile psichico. Sul secondo campione, composto da 495 aziende con più di 15 dipendenti, soggette quindi all'obbligo di assunzione di disabili, la quota sale al 45,5%, pari a 570 persone inserite. Fra queste 570 persone 70 sono disabili psichici.
Rispetto alla valutazione dell'inserimento lavorativo della persona con disabilità psichica è emerso che il 70% delle imprese intervistate ha dichiarato che l'esperienza fatta è stata “molto o abbastanza positiva”. Le valutazioni negative e criticità riscontrate sono riconducibili a cause esterne, legate all'acutizzarsi della malattia o ad aspettative eccessive da parte della famiglia o a cause interne, dipendenti dalla scelta di un modello di selezione del disabile non idonea ai bisogni dell'azienda o nell'aver dovuto affrontare l'esperienza senza il sostegno di tutor esterni.
Il 78% degli intervistati ha affermato che non ci sono stati problemi particolari tra i lavoratori dell'azienda e la persona con problemi psichici.
“Certo – hanno precisato gli autori dell'indagine – questi dati positivi non devono far intendere che questo sia un percorso facile, anzi le difficoltà aumentano se manca l'aiuto dei servizi sociali e sanitari. L'inserimento del disabile non si improvvisa, ma si costruisce giorno per giorno, se il meccanismo scatta, la presenza del disabile mentale in azienda è in grado di accrescere la solidarietà tra i lavoratori e migliorare il clima aziendale”.

Secondo Alessandra Felice, responsabile dell'Osservatorio sull'inclusione sociale dell'Isfol “le priorità d'affrontare per creare i giusti presupposti all'inserimento socio-lavorativo di persone con disabilità psichica sono tre e riguardano l'abbattimento dei pregiudizi, il consolidamento delle reti tra le imprese e la valorizzazione delle buone pratiche. Accanto a questi elementi – ha proseguito la Felice – occorre anche rafforzare le competenze degli operatori che accompagnano i disabili al lavoro. E' ovvio che le vere protagoniste di questo processo sono le imprese, ma esse devono essere incluse in un sistema a rete che coinvolga gli operatori, i tutor aziendali, i dipartimenti di salute mentale e i centri per l'impiego, solo così ci saranno ricadute positive in termini d'inserimento socio-lavorativo di queste persone”.
Per Marzia Fratti, della Regione Toscana “quando si parla d'inserimento al lavoro di questo tipo di disabilità, si deve intendere non assistenzialismo, ma lavoro vero e proprio”.
Giulia Bassetti della Regione Veneto, ha evidenziato la necessità di “creare una base di garanzia affinché ci siano pari opportunità per tutti e per raggiungere tale fine la regione sta lavorando per omogeneizzare le azioni e le politiche sul territorio per rendere più facili i percorsi di accoglienza e inserimento lavorativo”.
Il direttore generale dell'Isfol, Aviana Bulgarelli, ha posto l'accento sulla “necessità di formare sempre meglio gli operatori dei servizi pubblici e i tutor aziendali, per poter contare su competenze sempre aggiornate, in grado di affrontare e gestire queste delicate questioni. In tale prospettiva – ha aggiunto il direttore – risulta importante promuovere la creazione di partenariati di sostegno e accompagnamento, per lo scambio di buone pratiche e l'elaborazione e definizione di linee guida finalizzate all'inserimento socio-lavorativo di persone con disagio psichico”.

 

Il seminario è stato occasione di confronto tra i soggetti coinvolti a vario titolo nel programma Pro.P che hanno illustrato la propria esperienza e la propria prospettiva di coinvolgimento. Dalla cooperativa sociale, con le testimonianze di Diego Dutto del Consorzio regionale Self e di Cristina Cappelluti della cooperativa agricola Naturalmente, al CNA di Piacenza con l’intervento di Michele Bricchi, all’esperienza della Asl di Piacenza, illustrata da Corrado Cappa che ha riportato i risultati e l’approccio dell’Individual Placement Support, per arrivare all’interessante prospettiva dell’impresa profit con la Banca Popolare di Milano raccontata da Michela Merano, che nell’azienda milanese si occupa direttamente del disagio psichico dei colleghi. Il semiario si è chiuso con una tavola rotonda che ha chiamato a confronto esponenti delle Associazioni dei  datori di lavoro, dei Dsm, delle Regioni e delle Associazioni delle Famiglie, degli Utenti e del volontariato. 

 

Per saperne di più

Compendium normativo

Schede 2010-2011

Schede 2007-2009

Presentazioni Seminario

 

 Guarda la gallery

   
     
     







 
 
 
Apre il sito Unione europea in una nuova finestra Apre il sito Ministero del Lavoro in una nuova finestra Apre il sito Ministero dell'Istruzione in una nuova finestra
 
Apre il sito Europass in una nuova finestra Apre il sito CEDEFOP in una nuova finestra Apre il sito Programma Leonardo Da Vinci in una nuova finestra Apre il sito TTNet in una nuova finestra Apre il sito Orientaonline in una nuova finestra Apre il sito eFormazione continua in una nuova finestra Apre il sito Professioni, Occupazione e Fabbisogni  in una nuova finestra Apre il sito Ifolamb in una nuova finestra Apre il sito Euroguidance Italy in una nuova finestra Apre il sito Rapporto Orientamento in una nuova finestra Apre il sito TRANSNAZIONALITA' in una nuova finestra Apre il sito Ecvet-Moto in una nuova finestra Apre il sito Reference Point in una nuova finestra Apre il sito Indagine Piaac in una nuova finestra Apre il sito Progetto CE-Ageing  in una nuova finestra