Vai direttamente:home page, accessibilità del sito, ricerca, contenuto della pagina., mappa del sito, torna al inizio pagina, intranet, istituto, Urp, Ufficio Stampa, Bandi, Newsletter, Rassegna Stampa, Forum, Focus, In calendario, Percorsi per la conoscenza, Percorsi per la piena occupazione, Percorsi per la coesione sociale, RSS, Note Legali, Credits, Contatti, Banche Dati, Documentazione, Normativa, Glossario, Link
ISFOL - Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei lavoratori   Istituto | Urp | Ufficio Stampa | Bandi
isfol canali Newsletter | Rassegna stampa | Forum
Banche Dati Documentazione Normativa Glossario Link
posizione sei in: Home page » Notizie » Dettaglio
 
 
 

L'economia pubblica sociale come leva anticiclica


19 Giugno 2012 - SEMINARIO SUGLI APPALTI SOCIALMENTE RESPONSABILI

Gli acquisti sociali negli appalti pubblici sono oggetto di nuova attenzione dopo la recente pubblicazione del documento "Acquisti sociali. Una guida alla considerazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici", realizzato dalla Commissione europea attraverso la DG per l'Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità e la DG del Mercato interno e dei servizi .  L’Osservatorio della Camere di Commercio di Roma, insieme al sistema degli enti camerali ha affrontato tale tema nel seminario che si è svolto a Roma il 19 giugno. L’iniziativa  ha coinvolto le cooperative sociali aderenti al progetto "N.O. C.I.G.S.s. - Nuove Opportunità di Consolidamento per Imprese che gestiscono servizi sociali" finanziato dal Foncoop e le loro reti con l'obiettivo di promuovere pratiche efficaci e innovative di rapporto partenariale tra enti locali e terzo settore.

L'economia pubblica, può dunque  ampliare ed evolvere il concetto di project financing, avendo a riferimento clausole di restituzione sociale e territoriale dei benefici indotti nelle diverse iniziative attivate dal progetto. Come è emerso dai vari interventi, queste pratiche potrebbero, se guidate e governate, rappresentare di fatto anche una spinta contro la congiuntura economica. Potrebbero connettere un "mercato" pubblico dalle considerevoli dimensioni (gli appalti pubblici costituiscono circa il 17% del Prodotto Interno Lordo dell'UE), in una fase ove quello privato è stagnante per effetto della crisi economica e finanziaria, con lo sviluppo di approcci imprenditoriali socialmente responsabili, in grado di muoversi sia sui mercati tradizionali che su quelli innovativi, con processi produttivi rivisitati in chiave di sostenibilità sociale, produttiva, ambientale.

L’Isfol, attivo su questi temi dal 2006,  ha contribuito al dibattito attraverso l’intervento di Cristiana Ranieri, ricercatrice, che ha presentato un approfondimento sulla normativa europea.

 

Nel corso della tavola rotonda, alla quale hanno partecipato attivamente operatori, imprenditori della cooperazione sociale e istituzioni, è emersa con forza la consapevolezza che attività come il progetto  N.O. C.I.G.S.s. si basano primariamente sul principio che la persona è al centro dell'intervento e che la sua efficacia dipende dalla qualità della relazione.

 

 

 

Per saperne di più

Programma

Osservatorio C. C. Roma

Intervento Cristiana Ranieri

 







 
 
 
Apre il sito Unione europea in una nuova finestra Apre il sito Ministero del Lavoro in una nuova finestra Apre il sito Ministero dell'Istruzione in una nuova finestra
 
Apre il sito Europass in una nuova finestra Apre il sito CEDEFOP in una nuova finestra Apre il sito Programma Leonardo Da Vinci in una nuova finestra Apre il sito TTNet in una nuova finestra Apre il sito Orientaonline in una nuova finestra Apre il sito eFormazione continua in una nuova finestra Apre il sito Professioni, Occupazione e Fabbisogni  in una nuova finestra Apre il sito Ifolamb in una nuova finestra Apre il sito Euroguidance Italy in una nuova finestra Apre il sito Rapporto Orientamento in una nuova finestra Apre il sito TRANSNAZIONALITA' in una nuova finestra Apre il sito Ecvet-Moto in una nuova finestra Apre il sito Reference Point in una nuova finestra Apre il sito Indagine Piaac in una nuova finestra Apre il sito Progetto CE-Ageing  in una nuova finestra